come aumentare l’autostima
Home
Come aumentare l'autostima con 7 semplici consigli!

Come aumentare l'autostima con 7 semplici consigli!

L’autostima è come un muscolo e per questo va allenato ogni giorno. Scopri le strategie giuste per aumentare l’autostima e riappacificarti con te stesso!

Silvia Chiafele
Silvia Chiafele
Pubblicato il: 8/11/2021
4 min.

A tutti è capitato di avere l’autostima sotto i piedi e di non riuscire a ricordarsi il proprio valore. Allora tutto quello che riguarda sé stessi si colora di grigio e annebbia la visione delle proprie qualità, minimizzandole o accantonandole in un angolino. È ora di passare dalla scala di grigi alla tavolozza arcobaleno e imparare ad avere più autostima di sé stessi con questi 7 ottimi consigli!

Cosa si intende con autostima e quando si abbassa

Spiegare cos’è l’autostima non è facile viste le numerose elaborazioni teoriche fatte a riguardo, ma la letteratura sembra d’accordo nell’includere alla sua definizione almeno tre aspetti:

  1. la capacità del singolo individuo di potersi osservare e quindi conoscersi dall’interno;
  2. la possibilità di dare una valutazione alla propria persona;
  3. il lato affettivo che permette di descriversi in modo positivo o negativo.

In altre parole, l’autostima è un paradigma che comprende la soddisfazione di sé, la percezione del proprio valore e la fiducia nelle proprie capacità e può essere sviluppata e migliorata ogni giorno tramite delle strategie cognitive specifiche. Essa, quindi, dipende sia dal modo in cui si interpretano le nostre scelte e le nostre qualità, sia dall’interazione che si instaura con le altre persone e l’ambiente, in una sorta di valutazione riflessa.

Si viene così a creare un legame, più o meno sottile, tra il sé reale e il sé ideale: il primo corrisponde ad una visione oggettiva di ciò che realmente siamo; il secondo è come la persona vorrebbe essere. In questo contesto, chi è in grado di lavorare sull’autostima vede le differenze tra il reale e l’ideale come una spinta a migliorarsi sempre; chi, al contrario, è in procinto di perdere l’autostima di sé, vedrà la discrepanza tra ciò che è e ciò che vorrebbe essere come un ostacolo insormontabile.

Infatti, capita a molte persone, soprattutto donne (circa 7 italiane su 10) di avere una valutazione negativa di sé, che ad un certo punto diventa incondizionata, pervasiva e duratura. La bassa autostima femminile, che poi ha le stesse caratteristiche di quella maschile, è dovuta allora a fattori ambientali quali:

  • episodi di trascuratezza, esclusione o bullismo vissuti durante l’infanzia o l’adolescenza;
  • critiche dalle figure di riferimento;
  • appartenenza a minoranze culturali e sociali;
  • casi di mobbing sul posto di lavoro;
  • eventi traumatici;
  • stress prolungato.

Questi fattori che abbassano l’autostima minano allo stesso tempo anche la personalità dell’individuo, che perciò inizia a provare poca fiducia per le proprie doti e per le possibilità che il mondo gli offre, a sviluppare una dipendenza dal giudizio degli altri, ad avere una mancanza di motivazione per i progetti di vita, a sentirsi più vulnerabile ai disturbi d’ansia e ad assumere un tipo di comportamento passivo. Inoltre, le persone con bassa autostima tendono a dipendere affettivamente dagli altri, a sentirsi indecisi e insicuri, fino ad avere più probabilità di incorrere nei disturbi dell’alimentazione, dell’umore o nelle conseguenze dello stress prolungato.

Per questi casi, è possibile allora aumentare l’autostima con 7 esercizi utili ad avere più fiducia in sé stessi ed evitare l’ennesimo calo di autostima!

Consigli ed esercizi per avere più autostima di sé

Il miglioramento dell’autostima è prima di tutto un traguardo per il proprio benessere psicosociale e comincia dalla consapevolezza che essa non è impressa nel DNA, ma può modificarsi secondo la nostra volontà.

Impegniamoci allora a trovare le giuste strategie per aumentare l’autostima e a non svalutarci più!

1. Evita di sabotarti e piuttosto elogiati un po’

Come migliorare l’autostima? Partendo dal tuo giudizio interiore! Infatti, quando ti poni delle sfide da superare o degli obiettivi da raggiungere, la mente può iniziare a giocare brutti scherzi, ostacolandoti il percorso con la convinzione di non potercela fare. Si tratta di un vero auto-sabotaggio da evitare e sostituire con un bel complimento a sé stessi quando gli scopi sono stati finalmente raggiunti! Ciò non significa convincersi attraverso frasi per aumentare l’autostima ed espressioni prive di significato, che funzionano solo per infondere coraggio quando si ripetono a voce alta. Prova, allora, a sostituire le frasi motivazionali come “Voglio bene a me stesso”, “Avrò successo” e “Sono una persona valida” con convinzioni più concrete e tangibili, focalizzate sulle tue vere competenze e abilità, come “Ho eseguito un buon progetto al lavoro e me lo hanno riconosciuto. Non ho motivo di sentirmi insicuro o impreparato per il prossimo incarico”.

2. Circondati di persone che ti sanno apprezzare

Lavorare sull’autostima è già abbastanza complicato, meglio allora circondarsi di persone che ti apprezzano così come sei e non ti giudicano per le tue azioni. Ciò non significa fare affidamento solo su di loro - come spesso accade per le persone che soffrono di bassa autostima -, bensì di passare del tempo con persone che fanno star bene te e il tuo benessere psicosociale. In più, è utile imparare a fare complimenti anche a chi ti sta accanto: giudicarlo non è altro che un giudizio verso sé stessi.

3. Definisci i tuoi obiettivi in modo realistico e festeggia quando li hai raggiunti

Un altro buon esercizio per far crescere l’autostima è creare una lista di obiettivi da raggiungere che siano realistici e concreti; in secondo luogo, lottare per ottenerli, senza farsi condizionare dai possibili fallimenti ed evitando di procrastinarli, un’attività che tra l’altro aiuta a combattere la stanchezza mentale. Una volta raggiunti, è bene riconoscere la propria bravura e prendere consapevolezza delle proprie capacità in modo da aumentare la sicurezza in sé stessi.

4. Costruisci le tue difese immunitarie emotive

Avere l’autostima bassa rende le persone più vulnerabili di fronte agli impatti psicologici che si incontrano ogni giorno: si diventa più inclini alla frustrazione e alle delusioni, si crede al fallimento, non si è in grado di gestire l’ansia. Oltre a provare dei rimedi naturali contro lo stress, è importante sapersi costruire, allora, una sorta di sistema immunitario che faccia da barriera a questi cattivi pensieri, interiorizzando alcune strategie per aumentare l’autostima. Potresti partire dall’accrescimento della fiducia in te stesso, da una buona percezione della tua persona, dal pensare positivo e dall’incremento del senso dell’umorismo e dell’amor proprio.

5. Alimenta la tua curiosità

Il calo di autostima molto spesso coincide con la permanenza all’interno di una comfort zone che potrebbe diventare soffocante. Se non si vuole più perdere la stima di sé stessi, è importante avere il coraggio di provare esperienze nuove e improvvisare con maggiore frequenza. Un utile esercizio potrebbe essere dare importanza al proprio punto di vista: se hai qualcosa da dire, non perdere l’occasione di parlare in pubblico e far sentire la tua voce! D’altronde, razionalizzare ogni cosa, analizzare tutti i dettagli e ossessionarsi all’eventualità che le vicende possano andare male, non porta altro che a disturbi d’ansia da gestire in modo mirato.

6. Trova il tempo di rilassarti e di dedicarti allo sport

È essenziale sapere che per acquisire autostima ci si deve rilassare! Grazie ad un rilassamento mentale e fisico, anche i pensieri ossessivi potranno essere scacciati e smettere di minacciare la fiducia in sé stessi. Tra le tecniche di rilassamento per corpo e mente si guadagna un posto di tutto rispetto l’ascolto di suoni armoniosi e ti stupirai a scoprire che la musica per aumentare l’autostima esiste! Essa è in grado di influenzare positivamente l’umore, di donare un senso di positività e di creare un legame di empatia con le persone che l’ascoltano. Infatti, nonostante la melodia sia percepita universalmente, intervengono dei fattori personali e sociali che portano ad interpretare la musica o le sue parole in base alle esperienze e alle emozioni vissute. Insomma, la musica è un prezioso regolatore emotivo da utilizzare quando si ha l’autostima sotto i piedi!

Oltre che con la musica, ci si può rilassare anche con attività fisica e di fitness, visto che pure lo sport per aumentare l’autostima è ormai un fatto conclamato. Come afferma anche la psicologa dello sport Graziana Oliverio: “ciascuno sport ha caratteristiche che mirano da una parte a valorizzare le capacità della persona, dall'altra parte a migliorare dei lati del carattere che possono portare ad una maggiore consapevolezza di sé”.

Superare ad ogni sessione sportiva i propri limiti e imparare a non mollare di fronte alle difficoltà è la giusta palestra (è davvero il caso di dirlo!) per ritrovare l’autostima. Scegli allora un’attività di squadra (pallavolo, calcio, basket) per migliorare a relazionarti con gli altri, o uno sport da svolgere da solo (nuoto, equitazione) se hai problemi a focalizzarti sui tuoi obiettivi. Non dimentichiamoci, poi, che anche attività come lo yoga o la meditazione sono ottime per rilassare mente e corpo, permettendoti di concentrarti sul presente e sulla tua interiorità, magari abbinandoli a delle utili tecniche di respirazione contro ansia e stress.

7. Prenditi cura del tuo aspetto esteriore e interiore

Senza scadere in un elogio all’apparenza, curare il proprio aspetto esteriore è ottimo per ritrovare l’autostima: apparire curato e sentirsi a proprio agio ti farà, infatti, guadagnare anche più disinvoltura agli occhi degli altri e a conquistare maggiore fiducia in te stesso.

Oltre al legame tra estetica e autostima, che sono soprattutto le giovani donne a dover saldare, la sicurezza in sé stessi aumenta quando stiamo bene anche dall’interno. Esistono, ad esempio, degli ingredienti che possiamo integrare al nostro regime alimentare, capaci di migliorare il tono dell’umore, come lo zafferano, e di farci sentire più rilassati e in pace con noi stessi, come la melissa. Il suo estratto, in effetti, è stato confermato essere da diversi studi clinici un ottimo supporto per le prestazioni cognitive, agendo direttamente sul relax mentale e il benessere psicofisico.

Essendo, queste, delle sostanze non proprio facili da assumere regolarmente con la dieta, VitaVi ha pensato ad un integratore per il rilassamento e il benessere mentale che possa includerle nella sua formulazione, in modo da migliorare la percezione di sé stessi e degli stimoli esterni. A completare questo scopo, intervengono anche altri ingredienti come il triptofano, un amminoacido precursore della serotonina (ormone che regola l’umore), la vitamina B6 e il magnesio, i quali contribuiscono al normale funzionamento del sistema nervoso, riducendo al contempo stanchezza e affaticamento.

Tanti sono i consigli su come aumentare l’autostima e avere più fiducia in sé stessi, ma questi funzionano solo se c’è la buona volontà di migliorarsi. Quindi ricordati di non lasciarti influenzare dal tuo giudizio, a volte troppo severo, e di abbandonare i cattivi pensieri che ti bloccano dall’agire. Respira, ascolta te stesso e acquisisci la giusta consapevolezza del tuo essere! In questo modo la battaglia contro la bassa autostima sarà solo un’altra vittoria da inserire tra gli obiettivi raggiunti 😊


Articoli correlati

Lascia la tua email per ricevere articoli, promozioni e scoprire di più sul mondo VitaVi

Cliccando su "Iscriviti" dichiari di aver letto l'informativa privacy e acconsenti al trattamento dei tuoi dati.
torna su